Iscrizione alla newsletter



Ricevi HTML?

image1 image2 image3 image4 image5

Biamonte ventura 2

Maggio 2017 Il Presidente Ventura consegna attestati e titoli UnionMobili Cicas Calabria a Luigi Biamonte.

Rispondendo a una diffusa richiesta proveniente dagli operatori, riprende slancio UNIONMOBILI CICAS, associazione datoriale che vuole rappresentare gli interessi degli imprenditori del settore mobili nell’ambito della vendita, della distribuzione e della consulenza,  favorendo il progresso del settore, collaborando a rafforzare lo spirito associativo della categoria e l'interscambio di relazione tra i vari protagonisti della filiera. La missione di UNIONMOBILI CICAS è quella di tutelare gli aderenti, elaborare le loro esigenze, proporre soluzioni mature ai problemi emergenti.

UNIONMOBILI CICAS opera su diverse aree di attività, portando avanti da anni progetti concreti e di ampio respiro sia sul fronte dell'attività istituzionale (rappresentanza di categoria e relazioni politico-sindacali), sia attraverso la promozione di una rete di servizi a forte carattere innovativo e ad alto valore aggiunto.

In particolare, UNIONMOBILI CICAS impianta corsi e seminari per imprenditori, manager, progettisti, responsabili vendita e addetti montaggio, in una vasta e completa gamma di specializzazioni: dal master executive per tutti gli operatori del settore alla consulenza e formazione su misura per reti commerciali di aziende produttrici, agenti, negozi di arredamento; dalla strutturazione e aggregazioni di reti distributive a corsi finanziati dal fondo interprofessionale erogati in modalità sia aziendale sia interaziendale.

UNIONMOBILI CICAS Calabria rivolge un appello a tutti gli operatori commerciali del settore arredamento a volere aderire a una struttura moderna e propositiva, nata nella volontà di costituire una voce forte e autorevole, capace di convogliare con autorevolezza e competenza le esigenze reali della categoria.

UNIONMOBILI CICAS ha costruito un sistema flessibile e integrato, composto da diverse strutture operative che gravitano intorno al Coordinamento regionale Calabria cui è delegato Luigi Biamonte, mobiliere/arredatore di lunga e consolidata esperienza sia professionale che associativa. Pur mantenendo una propria identità e autonomia, le strutture sono organizzate in modo da interagire e lavorare su aree di attività strettamente correlate, concorrendo in tal modo alla realizzazione del disegno comune.

E’ il prof. Cristian Tavano il nuovo coordinatore nazionale CICAS di Innovation Tecnology

TAVANO

Dal 2 maggio 2017, su nomina del presidente nazionale, cav. Giorgio Ventura, il prof. Cristian Tavano è il nuovo coordinatore nazionale di Innovation Tecnology. Il prof. Tavano, titolare dell’Agenzia CTBIT Green Software, ha una consolidata esperienza nel campo dell’Office automation.
A supportarne la nomina il Consigliere nazionale di Cicas Lucio Parrella. Parole di incondizionata fiducia e di sincero incoraggiamento di Ventura hanno accompagnato la comunicazione dell’incarico al nuovo coordinatore: «Il prof. Cristian Tavano rappresenta l’uomo giusto al posto giusto per conferire attualità e aggiornamento alla struttura nazionale della CICAS che si avvia così a completare l’organigramma generale operativo per consentire il più ampio utilizzo di consulenze e opportunità di expertise alle piccole imprese».
Da parte sua Cristian Tavano ha ringraziato per la fiducia accordata, dicendosi pronto ad affrontare l’impegnativa sfida che lo attende, mettendo da subito a disposizione della Confederazione che tutela la piccola e piccolissima impresa le nuova App sulla gestione dei flussi turistici da poco autonomamente progettate da CTBIT Green Service.

AGRI CICAS LOGO

 

Greco Giovanna 180È l’agronoma Giovanna Greco la nuova responsabile nazionale di Agri-Cicas, la struttura emanazione della Cicas che rappresenta e tutela i piccoli e medi imprenditori agricoli.
La nomina è venuta dal presidente nazionale della Confederazione, Giorgio Ventura che, nell’occasione, si è detto sicuro della bontà della scelta effettuata, in considerazione della competenza specifica della nuova responsabile di Agri-Cicas, confortata dalle notevoli capacità organizzative e manageriali.
Giovanna Greco, nel ringraziare Ventura della fiducia a lei attribuita, si è dimostrata «lusingata e grata per l'incarico»; intenzionata sin da subito «a procedere secondo un programma che punti ad azioni di sostegno e di consulenza per le piccole e medie imprese ma anche per i singoli cittadini; altresì saranno da subito intraprese le iniziative adeguate a fornire alla struttura della Cicas il necessario apporto di dirigenti e consulenti adatti allo svolgimento del programma di seguito prospettato, che presuppongono innanzitutto l'allargamento della base associativa nell'ottica di una adeguata rappresentanza in sede istituzionale e amministrativa».
Con l’insediamento di Giovanna Greco a capo di Agri-Cicas si rafforza notevolmente la presenza della Cicas nel panorama del mondo sindacala datoriale italiano, arrivando a coprire l’ampia segmentazione della piccola e media imprenditoria, base dello sviluppo economico nazionale.

Dott.ssa Giovanna GRECO - Responsabile Nazionale ACRI-CICAS
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
Via Nizza, 16 (CICAS) ROMA
Mob: 3334107028

AGRI CICAS BOOK 1

AGRI CICAS BOOK 2

AGRI CICAS BOOK 3

AGRI CICAS BOOK

 

ENERGY 400

L’ing. Ferdinando Rossi da Varese è il nuovo energy manager nazionale della Cicas.
Ferdinando Rossi, affermato imprenditore nel settore dell’efficientamento energetico, è il nuovo responsabile nazionale Cicas per l’ENERGIA. La nomina è venuta direttamente dal Cav. Giorgio Ventura, presidente nazionale della Cicas, la Confederazione degli imprenditori commercianti artigiani e operatori dei servizi e del turismo.
Il presidente Ventura, nel comunicare al nuovo dirigente Cicas - già coordinatore provinciale CICAS Varese . la decisione ratificata all’unanimità dal Consiglio direttivo, si è detto «sicuro della rinnovata energia che Ferdinando Rossi saprà infondere nell’azione quotidiana di sostegno alla piccola impresa che oggi più che mai ha bisogno di una rappresentanza adeguata e presente in maniera qualificata.
Da parte sua Rossi si è detto più che lusingato per l’importante incarico ricevuto, e per il quale intende da subito procedere secondo un programma già sottoposto all’attenzione dei vertici nazionali della Cicas, individuando azioni di sostegno e di consulenza per rendere l’offerta delle piccole e medie imprese più competitiva in un mercato che si è fatto sempre più allargato e sovranazionale.
L’ing. Ferdinando Rossi, nel ringraziare il presidente Ventura per la rinnovata fiducia accordata, ha assicurato tutto l’impegno necessario affinché la nuova struttura della Cicas trovi il giusto consenso nella base imprenditoriale della nostra Penisola.
L’ing. Ferdinando Rossi, curerà in particolare la scelta dei fornitori di energia elettrica e gas, anche tramite gruppi di acquisto
L’ing. Ferdinando Rossi - dichiara che - tra le nuove professioni cosiddette “verdi” spunta, è il caso di dirlo, l’energy manager. Una nuova figura che si occupa principalmente di ottimizzare i consumi di energia all’interno di un’azienda. L’energy manager, secondo le indicazioni di legge (comma 3 della legge 10/91), deve svolgere azioni, interventi e procedure necessarie a promuovere l’uso razionale dell’energia per riuscire a far quadrare i bilanci energetici. Ha quindi il delicato compito di supporto al responsabile aziendale, deve suggerire interventi al fine di ottimizzare i consumi energetici aziendali.
La figura dell’energy manager è di fondamentale importanza per qualsiasi attività privata, in quanto permette di ottenere sgravi fiscali, risparmi energetici notevoli in alcuni casi addirittura pari al 90% e, soprattutto, il controllo sulle sanzioni previste dalla legge in caso di mancato rispetto delle norme vigenti.
, è il caso di dirlo, l’energy manager. Una nuova figura che si occupa principalmente di ottimizzare i consumi di energia all’interno di un’azienda. L’energy manager, secondo le indicazioni di legge (comma 3 della legge 10/91), deve svolgere azioni, interventi e procedure necessarie a promuovere l’uso razionale dell’energia per riuscire a far quadrare i bilanci energetici. Ha quindi il delicato compito di supporto al responsabile aziendale, deve suggerire interventi al fine di ottimizzare i consumi energetici aziendali.