Iscrizione alla newsletter



Ricevi HTML?

image1 image2 image3 image4 image5

 

IL  PICCOLO IMPRENDITORE

            Si potrebbe darne una definizione secondo uno o più dei seguenti parametri: volumi di fatturato, numero di addetti, clienti fidelizzati, ricorrenza degli andamenti delle vendite, ricorrenza dei flussi di cassa o indici economici quali ROE e ROI,  ma nessuna di queste darebbe una effettiva idea di chi e di cosa è un piccolo imprenditore.

La nostra visione dell’imprenditore travalica determinati aspetti andando ben oltre.

Il piccolo imprenditore è il capitano di un piccolo vascello a vela di altri tempi,  privo di motore e di strumenti sofisticati, che deve sfruttare il vento e le correnti marine,  evitando le secche e gli scogli sommersi, per poter arrivare al porto di destinazione, approdo che chiamiamo utile di fine anno.

Questo capitano coraggioso vede la grande industria passargli accanto a bordo di grandi  navi a motore munite di tutte le tecnologie, e molte volte arriva ad utilizzare la loro scia  risparmiando tempo, ma non sempre è così.

Quando il vento rinforza e cambia direzione il piccolo imprenditore deve saper navigare  contro vento rinunciando così ad una rotta rettilinea e sicura.

In questo caso gli viene a mancare anche la possibilità di sfruttare la scia lasciata dalla nave della grande industria.

Ma lui ha anche la responsabilità del proprio equipaggio e delle loro famiglie.

E’ per questo che lui è sempre e comunque supportato solo dal suo istinto e dalla sua coscienza.

G.R.