Iscrizione alla newsletter



Ricevi HTML?

image1 image2 image3 image4 image5

Voucher per la digitalizzazione delle Pmi: ulteriore proroga del termine

voucher pmiIl Decreto direttoriale 14 dicembre 2018, pubblicato sul sito del Ministero dello sviluppo economico (MISE), proroga ulteriormente il termine per l’ultimazione delle spese progettuali connesse agli interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e ammodernamento tecnologico fino al 31 gennaio 2019.

In merito, è stato specificato che, per data di ultimazione, s’intende la data dell’ultimo titolo di spesa ammissibile riferibile al progetto stesso.

I pagamenti dei titoli di spesa oggetto di rendicontazione possono, invece, essere anche successivi alla predetta data di ultimazione, a condizione comunque che siano effettuati prima dell’invio della richiesta di erogazione, il cui termine finale rimane fissato al 14 marzo 2019.
È, altresì, previsto che, il comunicato relativo al decreto, sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale.
Nel dettaglio, nel decreto direttoriale, è disposto che «il termine per l’ultimazione delle spese previste nell’ambito degli interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico delle imprese assegnatarie del voucher di cui al decreto interministeriale 23 settembre 2014, indicato all’articolo 5, comma 1, lettera b), del decreto direttoriale 24 ottobre 2017 e successive modifiche e integrazioni, è prorogato al 31 gennaio 2019».

Rimane, comunque, confermato tutto quanto disposto dal decreto direttoriale 24 ottobre 2017 e successive modifiche e integrazioni, non espressamente modificato dal provvedimento in commento.

Voucher per la digitalizzazione delle Pmi – Ricordiamo che il voucher per la digitalizzazione delle Pmi, è una misura agevolativa per le micro, piccole e medie imprese che prevede un contributo, tramite concessione, appunto, di un “voucher”, di importo non superiore a 10 mila euro, finalizzato all'adozione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico.

La disciplina attuativa della misura è stata adottata con il decreto interministeriale 23 settembre 2014.

Il voucher è utilizzabile per acquisto di software, hardware e/o servizi specialistici che consentano di:
• migliorare l'efficienza aziendale;
• modernizzare l'organizzazione del lavoro, mediante l'utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro;
• sviluppare soluzioni di e-commerce;
• fruire della connettività a banda larga e ultra larga o del collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare;
• realizzare interventi di formazione qualificata del personale nel campo ICT.
Gli acquisti devono essere effettuati successivamente alla pubblicazione sul sito web del Ministero del provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher adottato su base regionale.

Ciascuna impresa può beneficiare di un unico voucher di importo non superiore a 10 mila euro, nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili.

Le modalità ed i termini di presentazione delle domande di accesso alle agevolazioni, erano state definite dal decreto direttoriale 24 ottobre 2017, mentre, con il decreto direttoriale 1° agosto 2018, i termini per l’ultimazione delle spese connesse agli interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e ammodernamento tecnologico, erano stati prorogati.