Iscrizione alla newsletter



Ricevi HTML?

image1 image2 image3 image4 image5

Biamonte ventura 2

Maggio 2017 Il Presidente Ventura consegna attestati e titoli UnionMobili Cicas Calabria a Luigi Biamonte.

Rispondendo a una diffusa richiesta proveniente dagli operatori, riprende slancio UNIONMOBILI CICAS, associazione datoriale che vuole rappresentare gli interessi degli imprenditori del settore mobili nell’ambito della vendita, della distribuzione e della consulenza,  favorendo il progresso del settore, collaborando a rafforzare lo spirito associativo della categoria e l'interscambio di relazione tra i vari protagonisti della filiera. La missione di UNIONMOBILI CICAS è quella di tutelare gli aderenti, elaborare le loro esigenze, proporre soluzioni mature ai problemi emergenti.

UNIONMOBILI CICAS opera su diverse aree di attività, portando avanti da anni progetti concreti e di ampio respiro sia sul fronte dell'attività istituzionale (rappresentanza di categoria e relazioni politico-sindacali), sia attraverso la promozione di una rete di servizi a forte carattere innovativo e ad alto valore aggiunto.

In particolare, UNIONMOBILI CICAS impianta corsi e seminari per imprenditori, manager, progettisti, responsabili vendita e addetti montaggio, in una vasta e completa gamma di specializzazioni: dal master executive per tutti gli operatori del settore alla consulenza e formazione su misura per reti commerciali di aziende produttrici, agenti, negozi di arredamento; dalla strutturazione e aggregazioni di reti distributive a corsi finanziati dal fondo interprofessionale erogati in modalità sia aziendale sia interaziendale.

UNIONMOBILI CICAS Calabria rivolge un appello a tutti gli operatori commerciali del settore arredamento a volere aderire a una struttura moderna e propositiva, nata nella volontà di costituire una voce forte e autorevole, capace di convogliare con autorevolezza e competenza le esigenze reali della categoria.

UNIONMOBILI CICAS ha costruito un sistema flessibile e integrato, composto da diverse strutture operative che gravitano intorno al Coordinamento regionale Calabria cui è delegato Luigi Biamonte, mobiliere/arredatore di lunga e consolidata esperienza sia professionale che associativa. Pur mantenendo una propria identità e autonomia, le strutture sono organizzate in modo da interagire e lavorare su aree di attività strettamente correlate, concorrendo in tal modo alla realizzazione del disegno comune.

ENERGY 400

L’ing. Ferdinando Rossi da Varese è il nuovo energy manager nazionale della Cicas.
Ferdinando Rossi, affermato imprenditore nel settore dell’efficientamento energetico, è il nuovo responsabile nazionale Cicas per l’ENERGIA. La nomina è venuta direttamente dal Cav. Giorgio Ventura, presidente nazionale della Cicas, la Confederazione degli imprenditori commercianti artigiani e operatori dei servizi e del turismo.
Il presidente Ventura, nel comunicare al nuovo dirigente Cicas - già coordinatore provinciale CICAS Varese . la decisione ratificata all’unanimità dal Consiglio direttivo, si è detto «sicuro della rinnovata energia che Ferdinando Rossi saprà infondere nell’azione quotidiana di sostegno alla piccola impresa che oggi più che mai ha bisogno di una rappresentanza adeguata e presente in maniera qualificata.
Da parte sua Rossi si è detto più che lusingato per l’importante incarico ricevuto, e per il quale intende da subito procedere secondo un programma già sottoposto all’attenzione dei vertici nazionali della Cicas, individuando azioni di sostegno e di consulenza per rendere l’offerta delle piccole e medie imprese più competitiva in un mercato che si è fatto sempre più allargato e sovranazionale.
L’ing. Ferdinando Rossi, nel ringraziare il presidente Ventura per la rinnovata fiducia accordata, ha assicurato tutto l’impegno necessario affinché la nuova struttura della Cicas trovi il giusto consenso nella base imprenditoriale della nostra Penisola.
L’ing. Ferdinando Rossi, curerà in particolare la scelta dei fornitori di energia elettrica e gas, anche tramite gruppi di acquisto
L’ing. Ferdinando Rossi - dichiara che - tra le nuove professioni cosiddette “verdi” spunta, è il caso di dirlo, l’energy manager. Una nuova figura che si occupa principalmente di ottimizzare i consumi di energia all’interno di un’azienda. L’energy manager, secondo le indicazioni di legge (comma 3 della legge 10/91), deve svolgere azioni, interventi e procedure necessarie a promuovere l’uso razionale dell’energia per riuscire a far quadrare i bilanci energetici. Ha quindi il delicato compito di supporto al responsabile aziendale, deve suggerire interventi al fine di ottimizzare i consumi energetici aziendali.
La figura dell’energy manager è di fondamentale importanza per qualsiasi attività privata, in quanto permette di ottenere sgravi fiscali, risparmi energetici notevoli in alcuni casi addirittura pari al 90% e, soprattutto, il controllo sulle sanzioni previste dalla legge in caso di mancato rispetto delle norme vigenti.
, è il caso di dirlo, l’energy manager. Una nuova figura che si occupa principalmente di ottimizzare i consumi di energia all’interno di un’azienda. L’energy manager, secondo le indicazioni di legge (comma 3 della legge 10/91), deve svolgere azioni, interventi e procedure necessarie a promuovere l’uso razionale dell’energia per riuscire a far quadrare i bilanci energetici. Ha quindi il delicato compito di supporto al responsabile aziendale, deve suggerire interventi al fine di ottimizzare i consumi energetici aziendali.

E’ il prof. Cristian Tavano il nuovo coordinatore nazionale CICAS di Innovation Tecnology

TAVANO

Dal 2 maggio 2017, su nomina del presidente nazionale, cav. Giorgio Ventura, il prof. Cristian Tavano è il nuovo coordinatore nazionale di Innovation Tecnology. Il prof. Tavano, titolare dell’Agenzia CTBIT Green Software, ha una consolidata esperienza nel campo dell’Office automation.
A supportarne la nomina il Consigliere nazionale di Cicas Lucio Parrella. Parole di incondizionata fiducia e di sincero incoraggiamento di Ventura hanno accompagnato la comunicazione dell’incarico al nuovo coordinatore: «Il prof. Cristian Tavano rappresenta l’uomo giusto al posto giusto per conferire attualità e aggiornamento alla struttura nazionale della CICAS che si avvia così a completare l’organigramma generale operativo per consentire il più ampio utilizzo di consulenze e opportunità di expertise alle piccole imprese».
Da parte sua Cristian Tavano ha ringraziato per la fiducia accordata, dicendosi pronto ad affrontare l’impegnativa sfida che lo attende, mettendo da subito a disposizione della Confederazione che tutela la piccola e piccolissima impresa le nuova App sulla gestione dei flussi turistici da poco autonomamente progettate da CTBIT Green Service.

RESPONSABILI DI SETTORE 

 amicocicas1

 

Maria Teresa SANELLI
06. 94315864
342.3897670

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Galleria

Corso del Popolo, 40

00046 GROTTAFERRATA

ROMA

 

MARIA GRAZIA SANELLI

     

     IMPRESA DONNA
IMPRESA DONNA p

 

  

 

Lorenza FRUCI
349.3283006
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

Via Nizza, 11

 Roma

 

LORENZA FRUCI


   CREDITO & FINANZA

Credito Finanza

 

 

 

 

 

Luciano  INNOCENTINI
06.86202993

329.2428113

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

Via Giustiniani, 23 (Pantheon) 00162 Roma

 INNOCENTINI

     

      CICAS SICUREZZA

sicurezzacicas

 

 

 

Antonio STRANGIS
348.7652640

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

                    Verona


STRANGIS CICAS


 COMMERCIO SU AREE            PUBBLICHE

UNVA RESIZE

 

Mario PETRILLO
081.292747

081.2186377 fax 081.2186377 
340.1468422

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

(sig.ra Paola)

 

 

Via Forio, 234

Napoli

 petrillo


 

 CICAS International

CICAS INTERNATIONAL1

 

 

 

Filippo GILETTO
338.9192634
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

00187 ROMA

Via Nizza, 11

 GILETTO FILIPPO P


       CICAS START UP

starup

           

           Antonio MINOPOLI

333.3673617

081.7264273

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Via S. Antonio Alpisani, 11

88126 Napoli

 minopoli


         CICAS FORM

Cicas Form

               

 

                 Lucio PERRELLA

377.3008830

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Via P. di Piemonte, 72

86100 Campobasso

 lucio

 

 

CICAS EVENTI 180

 

 

Matteo MARTINO

0973.603316
333.8111703

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

Via Silvio Pellico, 11

84073 SAPRI - Salerno

 matteo martino180
 cicasviaggi rot

           

 

          Daniela FASANELLA

0984.24436- FX 0984. 24436

345.7630827

info@ Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Via della Repubblica, 30/D           87100 COSENZA

 


     CICAS IMMOBILIARI

CICAS immobiliare

             

 

 

             Francesco SERRAINO

Mobile:

392.9811612

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

P.tta della Libertà

88100 Catanzaro

 serraino

    CENTRO GIURIDICO
CENTRO GIURIDICO

 

             

              Maurizio RODINO’

0522.934803

335.452771

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

Via Roma, 38

42121 Reggio Emilia

 RODINO

    CICAS LOGISTICA &                TRASPORTI
logistica
 

 

 

 

 

Via Nizza, 11

Roma

 

 

CICAS SAN

 

       

      Domenico BUSCICCHIO

0971.54544

329.0493945

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  


 

 

 

Via Torraca,74

85100- Potenza


Buscicchio p
 marcheting strategico

 

 

Ivan RIZZUTO

392.9551897

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

ROMA

MILANO

 ivan180
 logo agenti

 

                 

                  Cesare LEONE

348.4347145

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

 

 

Via Nizza, 11

 Roma

 Leone Cesare 180
 INNOVATION

 

 

Cristian TAVANO

mobile: 328.113.16.233-

fisso: 0963.533048

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

 

89812  Pizzo (VV)  

 Tavano Cristian p

 

CICAS TURISMO

 

 

 

 

Francesco Tata NARDINI

331.32858

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

Via Eleonora Duse, 5

00100  ROMA

 

NARDINI

 

 


energy1

 


Ferdinando ROSSI
Tel e fax 0331.218160
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  



 

 


Via Puricelli, 5
21013 GALLARATE (VA) 

 

 rossi ferdinando 180

 AGRI CICAS LOGO

 

 Giovanna GRECO
Responsabile Nazionale AGRI-CICAS
Mob: 3334107028
e-mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

 

 

Via Nizza, 16 (CICAS) ROMA

 Greco Giovanna 180


 

AGRI CICAS LOGO

 

Greco Giovanna 180È l’agronoma Giovanna Greco la nuova responsabile nazionale di Agri-Cicas, la struttura emanazione della Cicas che rappresenta e tutela i piccoli e medi imprenditori agricoli.
La nomina è venuta dal presidente nazionale della Confederazione, Giorgio Ventura che, nell’occasione, si è detto sicuro della bontà della scelta effettuata, in considerazione della competenza specifica della nuova responsabile di Agri-Cicas, confortata dalle notevoli capacità organizzative e manageriali.
Giovanna Greco, nel ringraziare Ventura della fiducia a lei attribuita, si è dimostrata «lusingata e grata per l'incarico»; intenzionata sin da subito «a procedere secondo un programma che punti ad azioni di sostegno e di consulenza per le piccole e medie imprese ma anche per i singoli cittadini; altresì saranno da subito intraprese le iniziative adeguate a fornire alla struttura della Cicas il necessario apporto di dirigenti e consulenti adatti allo svolgimento del programma di seguito prospettato, che presuppongono innanzitutto l'allargamento della base associativa nell'ottica di una adeguata rappresentanza in sede istituzionale e amministrativa».
Con l’insediamento di Giovanna Greco a capo di Agri-Cicas si rafforza notevolmente la presenza della Cicas nel panorama del mondo sindacala datoriale italiano, arrivando a coprire l’ampia segmentazione della piccola e media imprenditoria, base dello sviluppo economico nazionale.

Dott.ssa Giovanna GRECO - Responsabile Nazionale ACRI-CICAS
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
Via Nizza, 16 (CICAS) ROMA
Mob: 3334107028

AGRI CICAS BOOK 1

AGRI CICAS BOOK 2

AGRI CICAS BOOK 3

AGRI CICAS BOOK

 

CICAS - AGENTI DI COMMERCIO

PEGASO3

Agenti di commercio: nuove indennità e contributi
24 febbraio 2015

Contratto di agenzia tra azienda mandante e agente di commercio dopo il nuovo accordo 2014: provvigioni e indennità, obblighi e contributi Enasarco.

L’agente di commercio promuove contratti su incarico della ditta mandante, mentre il rappresentante può anche concluderli in nome e per conto della mandante. Se l’operazione è conclusa grazie all’intervento dell’agente durante il contratto di agenzia, questi ha diritto alle provvigioni, anche per affari conclusi entro 6 mesi dallo scioglimento se la proposta è avvenuta in data antecedente.

=> Contratto di agenzia: obblighi e compensi

Indennità: il nuovo calcolo

A fine contratto, inoltre, l’agente ha diritto a un’indennità se ha procurato nuovi clienti e sviluppato affari con quelli esistenti da cui l’azienda beneficia ancora. Il 1° settembre 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina che regola i rapporti di agenzia e rappresentanza commerciale nei settori Industria, Piccola e Media Industria e Agrari. I contratti in corso al 30 luglio e stipulati prima di gennaio 2014 mantengono le vecchie regole fino al 2016, se rimarranno in vigore almeno fino al 31 marzo 2017.

La novità sostanziale è il calcolo dell’indennità, che si articola in tre componenti:

• di risoluzione del rapporto, accantonata presso l’Enasarco (nel FIRR)

• suppletiva di clientela (ISC),

• meritocratica.

Le prime due sono rapportate alle provvigioni e riconosciute anche senza incremento di clientela o giro di affari: la componente che confluisce nel FIRR si calcola sulle provvigioni annualmente accantonate presso l’Enasarco. L’indennità ISC sull’ammontare globale delle provvigioni dovute fino alla cessazione del rapporto. L’indennità meritocratica è frutto di complessi calcoli: se alla fine risulta inferiore alla somma FIRR+ISC non viene corrisposta, diversamente le sostituisce.

L’importo non può superare l’equivalente di una indennità annua calcolata su base media annuale delle retribuzioni riscosse negli ultimi cinque anni o, se il contratto risale a meno, sulla media di tale periodo. L’agente perde il diritto al FIRR in caso di ritenzione indebita di somme spettanti al preponente, concorrenza sleale e violazione dell’obbligo di monomandato. L’indennità ISC non è dovuta quando: il contratto si risolve per inadempienza grave; recesso non per giusta causa, cessione a terzi di diritti e obblighi detenuti in virtù del contratto di agenzia.

=> Agente di commercio: il recesso dal contratto

L’azienda può stipulare un patto di non concorrenza con l’agente dopo lo scioglimento del contratto. Deve riguardare la medesima zona, clientela e generi di beni e servizi per i quali era stato concluso il contratto di agenzia e la sua durata non può eccedere i due anni successivi all’estinzione del contratto. In caso di violazione del patto di non concorrenza l’agente perde il diritto all’indennità e dovrà restituire quanto già percepito. E’ prevista, inoltre, una penale che non può superare il 50% del corrispettivo di non concorrenza.

=> Contratto agenzia: indennità di non concorrenza

Altre indennità

Se l’agente ha subito danni a seguito della cessazione del rapporto di lavoro o in caso di pregiudizi sorti a causa dell’illecita cessazione, può richiedere un’indennità di riparazione danni. L’indennità di preavviso è invece dovuta se non viene rispettato il termine di preavviso del mandato e contemporaneamente non c’è giusta causa. Durata del preavviso e misura dell’indennità sono infatti previsti nel mandato: il loro mancato rispetto implica il pagamento di un’indennità pari alla media delle provvigioni spettanti nell’anno solare precedente moltiplicato per i mesi di preavviso non goduti.

Enasarco

L’Enasarco eroga ad agenti e rappresentanti di commercio che operano individualmente o in forma associata la pensione di invalidità e vecchiaia, persegue fini di qualificazione professionale, offre assistenza socialea gli iscritti, cura la gestione dell’indennità di scioglimento e delle altre previdenze individuate dalla contrattazione collettiva. Le mandatarie devono iscrivervi entro 30 giorni dall’inizio della collaborazione agenti e rappresentanti che operano sul territorio nazionale per conto di preponenti italiani o stranieri che hanno sede o dipendenza in Italia; all’estero per conto di ditte italiane, purché si tratti di agenti italiani. Se l’agente opera sotto forma di impresa, l’iscrizione avverrà ai seguenti soggetti:

•Impresa individuale: imprenditore;

•Impresa familiare: imprenditore e collaboratore familiare;

•Società in nome collettivo: tutti i soci;

•Società in accomandita semplice: tutti i soci accomandatari;

•Società per azioni, società a responsabilità limitata e società in accomandita per azioni: legale rappresentante.

Il contributo al fondo di previdenza è calcolato su tutte le somme dovute a qualsiasi titolo ed è in pari misura a carico del preponente e dell’agente o rappresentante. La società dovrà trattenerlo dal pagamento delle provvigioni e versarlo con le quote di propria spettanza entro il giorno 20 del secondo mese successivo alla scadenza di ciascun trimestre solare.

=> Enasarco, calcolo dei contributi 2014

L’aliquota 2014 è 14,20% (soggetta a incremento graduale per gli anni successivi) di cui il 12,50% destinato al conto previdenziale e il restante alla solidarietà di categoria. Per agenti che operano come società di capitali è previsto solo un contributo del 3,20% (soggetta a incremento graduale) destinato al Fondo assistenza, con maggiorazioni nel caso di provvigioni superiori a 13 milioni di euro annui.

Cessazione rapporto di agenzia

Entro 30 giorni dalla cessazione del rapporto occorre effettuare comunicazione telematica all’Enasarco. A fine esercizio l’impresa contabilizza le provvigioni maturate e non ancora corrisposte. In contropartita utilizza il conto “Fatture da ricevere”:

•Provvigioni 1.000,00 (Dare)

•Fatture da ricevere 1.000,00 (Avere)

Alla ricezione delle fatture si avrà la seguente registrazione:

• Fatture da ricevere 1.000,00 (Dare)

• Iva c/acquisti 220,00 (Dare)

• Debiti v/fornitori 1.220,00 (Avere)

Inoltre, se nel quarto trimestre sono maturate provvigioni si dovrà determinare anche il costo a carico dell’esercizio per il fondo di previdenza e il fondo assistenza, calcolati sulle somme maturate dal rappresentante il cui versamento scade il 20 febbraio. Le indennità spettanti rientrano tra le spese per servizi. In contropartita andrà registrato il fondo iscritto al passivo dello Stato Patrimoniale riclassificato alla voce B1 – Fondo per trattamento di quiescenza e obblighi simili.

=> Imprese, rappresentanti e agenti di commercio: contratto e fiscalità

Accantonamento FIRR

La ditta preponente è tenuta al versamento nel FIRR (Fondo Indennità Risoluzione del Rapporto) di un contributo computato su provvigioni e rimborsi spese corrisposti nell’anno solare. Il versamento scade il 31 marzo dell’anno successivo. Pertanto, in sede di chiusura del bilancio va effettuato l’accantonamento al FIRR di competenza, in base alle aliquote determinate di anno in anno. Il fondo verrà liquidato dall’Enasarco a fine rapporto agli anni pregressi; per l’anno corrente provvede la società.

Fondo assistenza

Agli agenti e rappresentanti che operano come società di capitali è dovuto il versamento al fondo assistenza, calcolato su tutte le somme a qualsiasi titolo dovute, a totale carico del preponente. Il versamento va effettuato entro il giorno 20 del secondo mese successivo alla scadenza di ciascun trimestre solare.